IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi | 
 

 An introduction to the artist, Fabio Cinti (Swide.com Luglio 2011)

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Mede@
Admin
avatar

Messaggi : 54
Data d'iscrizione : 12.10.11

MessaggioTitolo: An introduction to the artist, Fabio Cinti (Swide.com Luglio 2011)   Ven Ott 14, 2011 8:08 pm

It isn’t very often that you find an artist who inspires you in more way than one way. Enter Fabio Cinti; an artist as much as he is a musician and I got to ask him a few questions.


To introduce him ever so briefly, Fabio Cinti is an Italian musician who, without much in the way of promotion, has been received on the underground Italian music scene as a breath of fresh air and has dedicated listeners who ask for more when he plays live. His LP "L'esempio Delle Mele" is an eclectic mix of sounds and thoughts expressed through diverse sounds and beautiful lyrics, which, yes, are mostly sung in italian but the craftman ship of his music means that you are not excluded. He is currently working on a project that is gaining much attention in the gay communities of Italy and is being fronted by a cheeky electro ditty called “I’m Waiting for my Bear”.

Now, if you are sitting comfortably, let’s meet him.



Describe your music.

It’s very difficult to describe something that is a part of myself; like telling whether we are good looking or ugly, or charming. Regarding my music I can say that when I feel like writing a song I am always at a crossroad. On one hand I have the need for experimenting, pushing a little harder while following an obscure direction from which I cannot really see the light. On the other hand there is my instinct, which can lead toward triviality; therefore, it must be directed… I do not doubt that anything new that I compose must be something that I would be listening to with pleasure, something that didn’t exist before, even though it might be similar to something already done. My music is in fact a mix between instinct and experimentation.



Where does your inspiration come from for life?

It happens very often; when I share thoughts with friends about things, people and events and people in general, when they listen, say that I am “strange”. Well, maybe I have an uncommon approach to life; like thinking in opposites, thinking small prints are big or the other way around…and maybe I should be wearing glasses! Inspiration cannot be controlled or manipulated and most importantly I cannot go look for it. Sometimes I do things in extreme ways, not like climbing a mountain naked but I tend to take situations to the borderlines. For example, surviving with as little as possible or living with a strong desire of gaining something without actually ever getting to it and keeping that desire alive. All these thoughts bring me transversal visions.



And secondly for your music?

I cannot really divide inspirations between life and music. Writing songs and composing is like a physiological need. If I were to start a very boring assignment tomorrow, a different job, I know I would keep writing my songs – they might be a little sadder but I would still keep writing. Inspiration doesn’t always come from other music or songs by others. On the contrary, very often a song comes to me from pure imagination, or cruel reality, or both together.




How would you describe your approach to your creativity?

I have never believed creativity is bound to loose living or confusion. I am a very normal person, rather shy and bashful. I think creativity has nothing to do with “being human”, but I do believe there is a line that connects us with a “common sense” where beauty resides. Sometimes artists can walk down that line, like tightrope walkers; sometimes they fall, bringing out beauty. I don’t know yet whether I am gifted like that, but I like to think so.



What environments do you work best in?

I like tranquility and being secluded but in an ordered and neat way. I do not distinguish between day and night when I work and I do not look at my watch unless I have something important to do. As soon as I am done with my work I am overexcited at the idea of sharing it as quickly possible, like describing a dream you just had or showing the pictures of your last trip. During that trip though I like being alone, in a comfortable cozy environment, and away from people and noise.



What is it you want to communicate to your audience?

I have more than one thing to say, but I would only be able to explain what I intend on communicating at this moment in my life. Reading the news, I see there is so much arrogance, presumption and self-importance and, generally speaking more violence, - and not only the physical. I try, in this time of my life, to share kindness and sweetness. Everything can be said with gentleness, without changing the meaning or intent of it. Like a bad word out of a child’s mouth… it’s mostly funny and makes you laugh.



Do you have any annoying habits when in your creative mode?

Sometimes I forget to eat, so I devour a pack of candies and then I hear my stomach screaming in pain.



When are you happiest?

I am happy when I feel harmony within a group of people, my collaborators for instance or friends. It’s not necessary that I am in a good mood and I do not want to be playing the saint. It just happens that clarity and truthfulness make me happy while giving me self-confidence. However, I feel subterfuge, lack of clearness, whenever people are looking for trouble, or try to take advantage of situations; everything becomes more difficult. I don’t like it and it keeps me down, it hurts. Seeing people with a relaxed smiling face, even during a very hard time in their life, that is what I really like. Happiness doesn’t answer to the euphoria of winning.



Why should we listen to your records?

Good question! It’s not mandatory, but some strangers contact me to let me know my records are a good placebo to use for relaxing whenever they are stressed out. And I am not even close to a new age singer! Is this a good reason?



What have you learned this year?

This year I have learned to count on myself. This doesn’t really imply I do not appreciate help (I actually am grateful for all of the help I am receiving) but until there is only the help of others we are unsolved. Finally having a conscience means being there for the others, this is a responsibility, which bounds us to this planet. Then there are dreams - connected with planets and the imagination, and maybe even to previous lives, that are everything we believe in. But on this planet we must be what we are, human beings.



How do you challenge yourself?

I challenge myself every time I look in the mirror and wonder what the heck I am doing here. It’s a battle I cannot win and never could. I have often broken even, but it’s difficult. Sometimes I decide to go against myself and my beliefs to make a point just to see what happens. Then I realize I am a good guy. And Myself deceives Me. And I start all over again.



Now if you are wondering just what his sound is like then I suggest that you check out the two videos below that couldn't be more different in their approach to visuals. The eclectic attitude towards his expressive nature is something that really intrigues me about Fabio Cinti and I feel that these answers only scratched the surface. For more information about Fabio then check out his details after the jump.


_____________________________________________________________________________________________________________



Una presentazione dell'artista Fabio Cinti
Written by Ben Taylor

Non capita spesso di trovare un artista che ti colpisca sotto più punti di vista. Vi presento Fabio Cinti, un artista e un musicista a cui ho fatto alcune domande. Ve lo introduco brevemente, Fabio Cinti è un musicista italiano fuori dai canali classici di promozione, accolto nell'underground italiano come una ventata di aria fresca, adatto a chi ricerca performance live di qualità. Il suo disco L'Esempio delle Mele è un mix eclettico di suoni e pensieri espressi attraverso testi meravigliosi che sì, sono principalmente in italiano, ma questo non impedisce di rimanerne coinvolti.
Attualmente sta lavorando ad un progetto che sta guadagnando viibilità nella comunità gay italiana, una "canzoncina impertinente" electro, Waiting For My Bear.
Ora, se siete seduti comodamente, andiamo a incontrarlo.

- Descrivi la tua musica

E’ molto difficile dover descrivere qualcosa che ci appartiene, è difficile stabilire per esempio se siamo belli o brutti, quanto siamo affascinanti o com’è il nostro sguardo. Riguardo la musica che produco posso dire questo: quando sento l’esigenza di scrivere una canzone mi trovo sempre a un bivio. Da una parte c’è la voglia di sperimentare, quindi di forzare le cose, andare in una direzione oscura, dove non vedo niente; dall’altra c’è l’istinto e l’istinto però può condurre verso la banalità quindi in un certo senso va guidato… Non ho dubbi sul fatto che una mia nuova canzone deve essere anche per me una canzone che volevo ascoltare, che non c’era, anche se alla fine potrà avere dei riferimenti con qualcosa di esistente. In sostanza posso dire che la mia musica è un mix tra istinto e sperimentazione.

- Da dove viene la tua ispirazione per la vita quotidiana?

Mi capita spesso di fare delle considerazioni su cose, fatti e persone e riferirle agli amici che quando le ascoltano le considerano “strane”… Ecco, forse ho uno strano approccio con la vita quotidiana, mi sembra enorme il minuscolo e viceversa… Forse dovrei mettermi un bel paio di occhiali da vista…!! L’ispirazione è qualcosa che non posso controllare e che non posso andare a cercare. In alcuni casi vivo in modo estremo, non intendo che mi arrampico nudo sulle montagne ma che a volte porto all’estremo delle situazioni, come per esempio riuscire a vivere con il minimo indispensabile, oppure vivere con il desiderio di qualcosa senza averla e vivere di quel desiderio. Tutto questo mi scatena dei pensieri trasversali…

- E per la musica?

Non credo che io possa distinguere l’ispirazione per la vita da quella per la musica. Scrivere canzoni è come un’esigenza fisiologica. Se anche domani dovessi fare un lavoro completamente diverso sono sicuro che scriverò sempre canzoni (probabilmente molto tristi…!). Non è detto che l’ispirazione per un nuovo brano venga necessariamente da una musica o da un altro brano non mio. Anzi, spesso una canzone nasce da un’esperienza immaginaria o reale, o reale e immaginaria insieme…

- Come descriveresti l’approccio alla tua creatività?

Non ho mai creduto al fatto che le creatività debba essere legata alla sregolatezza, alla confusione. Sono un ragazzo assolutamente normale, forse un po’ timido o schivo. La creatività penso non abbia a che fare con l’”umano” ma credo ci sia un filo che ci lega con una specie di “senso comune” dove risiede la bellezza. A volte gli artisti riescono a percorrere, come degli equilibristi, quel filo, a volte meno… portando a tutti la bellezza dell’arte…
Non so esattamente se ho questo dono ma mi piace pensarla così…

- In che ambienti riesci a lavorare al meglio?

Mi piace l’assoluta tranquillità, la solitudine, l’ordine. Non faccio differenza tra giorno e notte quando lavoro e se non ho altri impegni non ho limiti di tempo. Quando finisco qualche lavoro non vedo l’ora di condividerlo, come fossi uscito da un sogno che ho voglia di raccontare, o da un viaggio di cui ho le foto… Ma durante il viaggio amo stare solo, in un ambiente il più accogliente possibile e al riparo da persone e rumori.


- Cosa vuoi comunicare al tuo pubblico?

Non credo ci sia una sola cosa da comunicare. Posso dire cos’è che vorrei comunicare in questo momento della mia vita… Leggendo i giornali mi accorgo che c’è un aumento dell’arroganza, della presunzione, in generale di violenza, non intendo solo fisica… Perciò tento, adesso, di comunicare la Dolcezza. Si può parlare di qualunque cosa con dolcezza e gentilezza, anche di un’esperienza forte. Se una persona è dolce può anche usare vocaboli sconci, questo non cambia il senso, non scalfisce la dolcezza. Non so, come sentire un bambino che dice una parolaccia… viene da ridere e fa tenerezza.


- Ci sono brutte abitudini che si presentano quando crei?

Sì… a volte mi dimentico di mangiare e mi succede magari di mangiare una busta di caramelle per avere poi lancinanti dolori allo stomaco…


- Quando sei più felice?

Sono felice quando vedo che c’è un’armonia nel rapporto tra le persone che mi circondano, amici o collaboratori. Non è necessario che io stia particolarmente bene e non voglio adesso apparire come un santo ma davvero mi fa stare bene la chiarezza e la verità tra i rapporti interpersonali. Quando ci sono sotterfugi, quando c’è poca chiarezza, quando le persone cercano guai o vogliono approfittare delle situazioni, diventa tutto difficile. Non mi piace e ci sto male. Vedere le persone con il viso rilassato e un leggero sorriso, anche se magari si vive un periodo non proprio buono, mi rende felice.
La felicità, insomma, con corrisponde con l’euforia di un momento di vittoria per esempio…

- Perchè dovremmo ascoltare I tuoi dischi?

Bella domanda! Bhe, non è obbligatorio ma posso dire questo: alcune persone sconosciute mi hanno contattato per dirmi che ascoltano il mio disco quando sono agitate perché la mia voce rilassa… Non sono un cantante new-age!! …però non so, può essere un buon motivo?

- Che cosa hai imparato quest’anno?

Quest’anno ho imparato che bisogna contare sempre e soprattutto su noi stessi. Questo non vuol dire che non apprezzi l’aiuto degli altri (anche perché dovrei ringraziare molte persone…) ma che finché c’è solo l’aiuto degli altri siamo irrisolti. Raggiungere una coscienza di uomo vuol dire essere presente per gli altri, è una responsabilità che ci lega a questa terra. Poi abbiamo tutto il nostro mondo onirico, legato alle sfere celesti, alla nostra fantasia, non so, alle altre vite, a ciò in cui crediamo. Ma su questa terra dovremmo essere uomini.

- Come riesci a sfidare te stesso?

Mi sfido ogni giorno guardandomi allo specchio e chiedendomi cosa ci faccio qui, inizio una battaglia che non vinco mai, non ci sono mai riuscito. Molto spesso ho pareggiato, è una sfida molto dura. A volte vado completamente contro quello che credo per vedere cosa succede ma poi capisco che in fondo sono un bravo ragazzo, educato eccetera. Ed è proprio così che me stesso mi inganna. E ricomincio da capo…

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
 
An introduction to the artist, Fabio Cinti (Swide.com Luglio 2011)
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Artisti imprenditori di se stessi: nuove possibilità?
» Diretta Castrocaro 15/07/2011
» LIMITARE L'ACCESSO A YOUTUBE O ALLA RETE
» Servizi Fotografici & Behind the Scenes
» WMA - Verona 29/05/2010 - Resoconto Valentina

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Fabio Cinti :: Rassegna Stampa (Recensioni Album - Interviste)-
Andare verso: